Vinificazione e Conservazione

I vini rosati

0
vino rosato

Esistono diversi sistemi per ottenere i vini rosati, ma il più diffuso è quello di utilizzare il metodo per ottenere il vino bianco con l’aggiunta di una breve macerazione delle vinacce. L’unico sistema che naturalmente non si può utilizzare è quello di mescolare vino rosso con vino bianco!

Per produrre i vini rosati si parte dalle uve che possono essere uve rosse o dalle uve bianche e rosse miscelate insieme.

Sistema più utilizzato

La vinificazione più usata ultimamente prevede di mettere direttamente nella pressa pneumatica (quindi partendo dallo stesso metodo utilizzato per produrre i vini bianchi) le uve, ma prima di iniziare a pressare si utilizza la pressa come se fosse una “betoniera” ottenendo la rottura di parte delle bucce in modo da avere una prima estrazione del colore. Naturalmente è solo l’abilità e l’esperienza che consente di ottenere il giusto colore del vino.

A questo punto si procede con la pressatura. Il mosto ottenuto è rosato e viene trattato come se fosse un vino bianco (fermentazione in un serbatoio refrigerato, chiarifica ecc).

Sistema dalla vinificazione in rosso

Si procede come per la vinificazione in rosso (pigiatura, deraspatura e uve nel vinificatore). La differenza sta nell’evitare follature e rimontaggi in modo da aspettare che il cappello si sollevi e di fare la svinatura appena il colore ottenuto è quello desiderato. Se il colore fosse troppo chiaro si può procedere magari con un piccolo rimontaggio senza esagerare per estrarre un po’ di colore.

Naturalmente questo procedimento non si può utilizzare per vitigni come quello del dolcetto o del barbera perché sono molto strutturati e la quantità di colorazione che danno è molto elevata. Si preferiscono vitigni come il nebbiolo, il grignolino, il pinot nero… o mix di vitigni differenti.

Dopo la svinatura si procede con la fermentazione che dura circa 1 mese.

I vini rosati sono quindi vini dalle caratteristiche più simili a quelle del vino bianco che non del vino rosso; si apprezzano in gioventù grazie al loro bouquet delicato e alla freschezza.

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *